Trading online per principianti

Trading online per principianti

Trading online per principianti

di 16 ottobre 2016 0 commenti

Trading online per principianti è la nostra guida per conoscere subito come iniziare a guadagnare nel migliore dei modi con il trading online.

Che cosa è il Trading Online

Sono moltissimi gli italiani che oggi possono vantare un conto in banca online, che permette quindi il trading con le azioni il forex. Tuttavia, è già qualche anno che sono arrivati i broker indipendenti per fare trading online, che consentono di fare trading su qualsiasi tipologia di mercato, senza troppi problemi e con grande semplicità, e sopratutto a dei costi estremamente contenuti. Per approfondire l’argomento del trading online, è opportuno anche visitare siti specializzati, come il famoso TrendVincente.com

Trading Online, è essenzialmente la traduzione di “Negoziazione Digitale”, ovvero la negoziazione tramite il computer dei titoli finanziari. Si tratta di un servizio a dir poco innovativo, che viene fornito dalle varie aziende finanziarie regolamentate, ovvero che hanno ottenuto una autorizzazione da parte della CONSOB.

Queste aziende, sono solitamente chiamate “broker online”, e sono essenzialmente degli intermediari digitali, che consentono di fare trading a qualsiasi cliente (su alcuni broker, si può partire anche solo con un deposito di 10 euro, e trade minima di 1 euro).

Queste aziende sono quindi dei broker indipendenti, oppure sono collegati ad una banca. Possono anche essere delle SIM, oppure delle società estere che hanno una specializzazione nel trading online.

Fare trading online, significa dunque comprare e vendere qualsiasi mercato finanziario (azioni, forex, indici, ETF e molto altro ancora) speculando quindi dal cambio di prezzo nel tempo. È possibile quindi speculare sia al rialzo, che al ribasso, è possibile dunque guadagnare anche durante un periodo in cui un titolo azionario dovesse crollare.

È proprio grazie a questo fattore che sempre più persone si stanno avvicinando al mondo del trading online.

Tuttavia, prima di aprire un conto di trading online, sarebbe bene decidere a priori gli obiettivi che si vogliono ottenere dal proprio trading, e ovviamente anche i rischi che si è quindi disposti a sobbarcarsi.

Con il trading, è possibile persino guadagnare cifre di tutto rispetto, che possono fluttuare da un 1% per arrivare anche al 100% (con le opzioni binarie). E diciamo che se si ha un conto di media grandezza, si può arrivare a guadagnare tranquillamente anche somme modiche, che si aggirano sui 50-100 euro al giorno.

Tuttavia, è bene considerare anche le possibili perdite, che possono rappresentare anche tutta la dimensione del proprio account.

Tutto dipende dal proprio Money Management, ovvero dal modo in cui i propri denari vengono investiti.

Il capitale che si decide di investire è anch’esso molto importante. Per iniziare, non servono grossi fondi per iniziare, in quanto come abbiamo già detto, è possibile iniziare anche con solo 10 euro. Tuttavia, è più consigliabile mettere da parte qualche migliaio di euro, per poter iniziare a guadagnare somme rilevanti.

Una volta che saranno stati chiariti i propri obiettivi, e sopratutto la propria propensione al rischio, arriva il momento di studiare, attraverso l’aiuto di libri, PDF e mini guide sui blog gratuiti, oppure anche tramite eventi di formazione di gruppo o semplicemente one-to-one.

Su Amazon si possono trovare molte guide, e sono molti i broker che organizzano seminari. Si tratta certamente di un metodo di studiare che non vi renderà subito ricchi, ma che vi permetterà subito di capire che cosa funziona, e cosa no.

Quale broker scegliere per iniziare

La scelta del broker, è sicuramente un punto cruciale nella vita del trader. Dipende anche dal tipo di servizio che si cerca.

Dipende quindi se si vuole un conto di trading collegato al proprio conto corrente, oppure se si preferisce optare per un conto di trading separato dal proprio conto, attraverso società SIM estere, che hanno il grande pregio di permettere di fare trading a zero commissioni, e con spread molto contenuti.

Tornando ai servizi bancari, le opportunità sono molte: Fineco, Banca Sella-Sella.it, Webank e IW Bank. Altre società, le SIM di cui stavamo parlando sono davvero molte, con servizi regolati CONSOB che permettono di fare trading Forex e CFD. Si tratta di società assolutamente autorizzate ad operare nel nostro paese, con costi praticamente nulli.

La psicologia del trading

Senza dubbio, la psicologia del trading, ovvero controllare se stessi, è uno degli elementi di cui se ne parla di meno, ma è in realtà uno dei pilastri del trading. La gestione delle perdite, è strettamente collegata alla psicologia del trading.

Il segreto per “stare calmi”, è quello di avere un piano di trading, e rispettarlo. Sempre. Deve quindi esserci una strategia, con ingressi a mercato regolati da analisi tecnica e/o analisi fondamentale.

Alle posizioni aperte, dovrà essere applicato un adeguato rapporto di rischio-rendimento. Ad esempio, lo stop loss deve comunque essere impostato ad un numero di pips minore rispetto a quello del take profit, in modo da ottenere un risk/reward ratio pari a 1:2, 1:3.

Nessun commento

Inizia la discussione

Nessun commento ancora

Puoi essere il primo a commentare.

I tuoi dati sono al sicuroIl tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato e nessun dato sarà condiviso con altri.