Covid-19 ed elezioni presidenziali USA spaventano indici azionari di Wall Street

Covid-19 ed elezioni presidenziali USA spaventano indici azionari di Wall Street

28 Ottobre 2020 0 comments

La seconda ondata di contagi da Covid-19 continua a far tremare tutte le economie mondiali e di conseguenza non risparmia le borse. Apertura d’ottava in decisamente negativa anche per i listini azionari di Wall Street dove, al momento della scrittura, dopo due ore di scambi l’indice Dow Jones cede oltre due punti e mezzo percentuali, avvicinandosi ai 27.600 punti.

Il paniere che raccoglie i titoli industriali più capitalizzati Jones aveva archiviato la scorsa settimana con un bilancio a cinque sedute in calo dello 0,95%, a circa 28.335 punti.

Negli USA, con l’appuntamento delle elezioni presidenziali del 3 Novembre sempre di più vicino, continua a tener banco il tema sugli stimoli fiscali per tamponare gli effetti della pandemia sull’economia a stelle e strisce. Lo scorso Venerdì, la speaker della Camera Nancy Pelosi aveva dichiarato che è ancora possibile il raggiungimento di un accordo prima delle elezioni, ma che spetta anche al Presidente Trump agire nella giusta direzione.

Il tira e molla tra Repubblicani e Democratici con molte probabilità sarà uno dei temi caldi anche della settimana in corso, in cui arriverà anche l’importante dato economico preliminare relativo al PIL USA del terzo trimestre. I pronostici degli analisti stimano un rimbalzo da record, pari a +31,9%, dopo lo storico crollo del 31,5% del secondo trimestre, ovvero nel periodo del lockdown.

Attese anche importanti notizie anche dal mercato del lavoro, dopo i segnali di ripresa fatti registrare la scorsa ottava, quando le nuove richieste di sussidio di disoccupazione, al 17 Ottobre, sono scese a +787 mila unità dalle +842 mila unità della settimana precedente. Lettura migliore delle aspettative degli analisti, che invece avevano indicato un incremento a +870 mila unità.

Ottimo anche il dato relativo al totale dei richiedenti sussidio che nella settimana terminata il 10 Ottobre si è assestato a 8,373 milioni di unità, scendendo decisamente rispetto alle 9,379milioni di unità della precedente stima settimanale. Lettura nettamente migliore di quanto pronosticato dagli analisti che invece si aspettavano un peggioramento del saldo a 9,625 milioni di unità.

Attualmente la soluzione migliore per fare trading online è quella di sfruttare le piattaforme CFD. Ad esempio una ottima è quella del broker Plus500. Si tratta di un broker autorizzato con servizi professionali ed una piattaforma facile da usare. Per saperne di più sui servizi del broker clicca qui per visitare il sito ufficiale.

76.4% dei conti al dettaglio CFD perde denaro. Prima di fare trading dovresti cercare di capire come funzionano i CFD ed i rischi di perdita di denaro che comportano.

Andamento indice Dow Jones sul breve-medio periodo

Il quadro tecnico dell’indice Dow Jones potrebbe deteriorarsi nel brevissimo periodo se la chiusura odierna dovesse aggirarsi sui valori attuali. Come ben visibile sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, le quotazioni si trovano già ad una certa distanza dai supporto rappresentati dalle medie mobili minori, a 10 e 25 giorni (rispettivamente la prima linea dall’alto verso il basso e la linea mediana sul grafico). Le due EMA nell’ordine si collocano infatti a circa 28.200 e 28.115 punti.

Mentre scriviamo si trova a rischio anche il sostegno di breve che transita sulla media mobile a 50 giorni (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico),che passa in area 27.850 punti. L’eventuale perdita del supporto appena indicato, se confermata anche nelle sedute successive, sarebbe un ulteriore brutto segnale. Le quotazioni potrebbero infatti scendere velocemente prima verso area 27.000-26.900 punti e successivamente crollare verso area 26.200-26.000 punti.

Per scongiurare lo scenario ribassista appena evidenziato, oltre a recuperare EMA 50, le quotazioni dovrebbero riportarsi sopra le EMA minori. In tal caso nelle sedute successive potremmo assistere anche ad un allungo verso area 28.600-28.800 punti.

Pattern di trading indice Dow Jones – valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading rialzista si attiva con close oraria maggiore di 27.610 punti e pronostica i primi due target price in area 27.780 e 27.890 punti; stop loss in caso di discesa sotto 27.440 punti in close orario.

Mantenere o incrementare le operazioni al rialzo in caso di allungo oltre 27.890 punti in chiusura oraria o giornaliera, per sfruttare eventuali estensioni al rialzo prima a 27.995 punti e successivamente a 28.170 punti; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto 27.610 punti in chiusura di oraria o di giornata.

Insistere con nuove posizioni rialziste in caso di break-out orario di 28.170 punti, per cercare di prendere profitto in area 28.340 e 28.625 punti, estesa a 28.805 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 27.890 punti in chiusura di candela oraria.

Long sulla debolezza in caso di affondo in area 26.455 punti, per sfruttare eventuali rimbalzi in prima battuta a 26.720 punti e in secondo luogo a 26.895 punti, estesi a 27.165 punti; stop loss in caso di ulteriori avvitamenti sotto la soglia dei 26.190 punti in chiusura daily.

Il pattern ribassista, invece, si attiva con chiusura oraria sotto 27.440 punti, e fissa i primi due obiettivi in area 27.335 e 27.165 punti; stop loss in caso di chiusura oraria oltre 27.610 punti.

Mantenere o incrementare le operazioni Short in caso di discesa sotto 27.165 punti in chiusura di candela oraria o giornaliera, per cercare di ricoprirsi in prima battuta a 27.060 punti e successivamente a 26.895 punti; stoppare le operazioni in caso di recupero di quota 27.510 punti in chiusura oraria o daily.

Lecito attivare nuove posizioni corte con chiusura oraria minore di 26.895 punti, per sfruttare eventuali flessioni in area 26.720 e 26.620 punti, estesi a 26.455 punti; stop loss in caso di ritorno sopra 27.165 punti in chiusura oraria.

Short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 28.805 punti, in ottica di veloci pull-back prima a 28.625 punti e successivamente a 28.340 punti estesi a 28.170 punti; stop loss in caso di allungo oltre 29.100 punti in chiusura di giornata.

 

No Comments so far

Jump into a conversation

No Comments Yet!

You can be the one to start a conversation.

Your data will be safe!Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person.